Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
10 luglio 2012 2 10 /07 /luglio /2012 16:20

L-invenzione-della-solitudine---Paul-Auster.jpg

 

 

 

"L'invenzione della solitudine" di Paul Auster è uno di quei libri che segnano profondamente il lettore perchè uscendo fuori dalla logica del racconto di fantasia si addentra nell'esame dell'aspetto sensibile delle cose, di quelle cose che sono appartenute a qualcuno che faceva parte della nostra vita. 
Proprio per questo motivo il libro è toccante perchè ci fa scoprire il lato nascosto che si trova dietro ad ogni persona che ha condiviso con noi una parte dell'esistenza o degli affetti importanti. 

Il racconto prende spunto dalla morte del padre del narratore e dalla successiva visita nella casa di famiglia dove ogni cosa sembra parlare e ricordare un'assenza che si è fatta pesante al punto da provocare un viaggio nella memoria che ripercorre a ritroso i momenti più importanti del rapporto genitore-figlio, un viaggio che avviene nella dimensione della solitudine che è il vero tema di fondo dell'intero racconto-riflessione. 

Trovarsi dinanzi ad oggetti appartenuti ad una persona scomparsa rappresenta un'esperienza che provoca disagio non solo per quanto riguarda il sentimento di aver perso qualcosa, ma anche e soprattutto di non aver conosciuto abbastanza quella persona e di non aver abbastanza vissuto con intensità un rapporto che inevitabilmente è sempre parziale e mai completamente pieno. 

E' come se dietro ad ogni rapporto vi sia qualcosa che non solo non può essere conosciuto ma che rimane insondabile, un lato oscuro e segreto che ciascuno di noi si porta dietro e che non si può trasmettere, lo stesso rapporto con i genitori è fatto di momenti e di parole che rivelano solo una parte della personalità, quella che emerge mentre quella invisibile rimane nascosta nella solitudine di ciascuno. 

Il libro è diviso in due parti: nella prima parte Auster ricostruisce, attraverso la tecnica del flash back letterario la personalità del padre e il suo rapporto con lui; nella seconda parte, la riflessione si incentra sul suo essere padre, del rapporto del figlio e della solitudine che dovrà sopportare nel momento in cui avverrà il distacco con il figlio stesso. 

Nella prima parte, oltre ad una rievocazione della figura del padre, fatta con un affetto che il lettore percepisce fino a farla suo, ci sono numerose riflessioni tra cui quello sul significato delle cose e degli oggetti che di per sè non hanno valore, non parlano se non in relazione alla persona a cui sono appartenuti e in relazione a chi conosce la relazione tra quella cosa e chi la possedeva: prendiamo ad esempio un semplice arnese di lavoro, una zappa che è appartenuta ad un contadino che era anche padre, quella zappa non ha alcun significato per un estraneo, è solo un utensile, un arnese di lavoro, ma se quella zappa, appoggiata ad un angolo di un muro viene presa dal figlio del contadino assume un significato completamente diverso, da strumento inanimato diventa uno strumento capace di evocare momenti, istanti, quotidianità, pezzi di vita, di dolore e di amore.. 

E' particolarmente toccante, l'episodio che Auster racconta quando rinviene nell'armadio della camera da letto del padre centinaia di foto conservate all'interno di buste e accanto a queste, un album inutilizzato che avrebbe dovuto raccoglierle: perchè si chiede Auster quel disordine, perchè la presenza di quell'album mai riempito, chi lo aveva acquistato, forse la madre? 
Ed una volta giunto a casa quelle foto vengono trattate come delle reliquie, gli rivelano particolari mai notati, verità nascoste al punto che la visione diventa un'attività febbrile dove non il protagonista narrante non vuole perdere niente, cercando di farle proprie al punto da esclamare: 
"Volevo che nulla andasse perduto". 


Altrettanto interessante è la riflessione che viene fatta sul significato del corpo di una persona, fino a che una persona è in vita noi identifichiamo il corpo con al personalità di un individuo, quella persona è il suo corpo, ma quando quell'individuo cessa di vivere il cadavere è separato completamente dall'idea che noi abbiamo di quella persona; Auster con grande acutezza osserva che noi non diciamo più "questo è tizio", ma "questo è il corpo di tizio". 

E' una prospettiva tragica quella che emerge nella solitudine della riflessione di una memoria che riscopre pezzi di vita persi per sempre e illusorio appare il tentativo di recuperare brandelli di un'esistenza che non può ritornare se non nel ricordo della solitudine. 

Vi invito a riflettere su questa frase: 

"La vita si fa morte, ed è se come quella morte avesse posseduto questa vita da sempre. Morire senza preavviso. Come dire: la vita si interrompe. E può interrompersi in qualunque momento" (Paul Auster) 

e vi invito anche a riflettere su questo mio pensiero: 

dei grandi artisti rimane un'opera che sopravvive, imperitura alla loro esistenza, ma dei più che rimane? Niente...e questo è desolante. 


Conclusione: Restare soli è il nostro destino

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link