Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
2 novembre 2012 5 02 /11 /novembre /2012 17:57

contatore sito web

Lettera ad un soldato della classe 40 di Robert Brasillach è un'opera la cui diffusione la si deve ad Adriano Romuladi, figlio di Pino, scomparso in maniera tragica nell'estate del 1973 in un incidente stradale.

L'edizione in nostro possesso è stata pubblicata nel 1975 da Giovanni Volpe Editore nella collana L'ARCHITRAVE diretta da Gianfranco de Turris. Il volumetto si compone di 63 pagine e comprende:

  • la premessa scritta dal de Turris (da pag. 5 a pag. 8);
  • un capitolo introduttivo intitolato "ROBERT BRASILLACH, POETA DEL FASCISMO" scritto da Adriano Romuladi (da pag.9 a pag. 31);
  • la "Lettera ad un soldato della classe 40" scritta da Robert Brasillach (da pag. 35 a pag. 57) comprensiva di una nota in cui si spiega la differenza che c'è tra la Francia e l'Italia per quanto concerne il modo di concepire la leva militare;
  • la bibliografia che comprende le opere e gli scritti di Robert Brasillach (da pag. 61 a pag. 62).

 

Sovrapporre un commento su Brasillach alle riflessioni che Adriano Romualdi fece quando decise di curare la ristampa di un libretto che in Italia era del tutto sconosciuto, ci sembra presuntuoso, ma a distanza di anni una rilettura aggiornata di quello scritto permette di ragionare con più serenità su quella che rimane prima di tutto una toccante testimonianza umana.

 

Brasillach prima di essere giustiziato per collaborazionismo scrisse una lettera rivolgendosi idealmente ad un indeterminato ragazzo nato nel 1940; è il 5 novembre del 1944, Robert Brasillach si trova nella cella 344 della prigione di Fresnes decide di scrivere delle note in ordine sparso sotto forma di lettera scritta, è il suo testamento spirituale, ma è anche uno sfogo accorato verso un atto che considera profondamente ingiusto.

Brasillach spiega i motivi per cui è in prigione e fa una distinzione tra gli accusatori: i partigiani da una parte e i magistrati dall'altra; mentre ai primi riconosce il ruolo di avversari politici, ai secondi riserva delle parole sprezzanti e polemiche definendoli come coloro  "che hanno prestato giuramento, in qualità di funzionari, al Governo del Maresciallo Pètain, pronti a pronciare una requisitoria contro i comunisti se ne avessero ricevuto l'ordine" e continua:

"E' il caso, penso di certi giudici d'oggi. Poveri diavoli, preoccupati solo della carriera, e pronti a sacrificare con allegra indifferenza la vita di un giovane di 22 anni -lo abbiamo visto- pur di non perdere la promozione e mille franchi in più al mese".

 

Brasillach pone il problema della Giustizia e degli errori giudiziari e ricorda che è stata proprio la Giustizia ad aver condannato Socrate, Gesù Cristo e Andrea Chénier, dopo quasi 70 anni il problema della Giustizia ha assunto altri contorni,  è vero siamo in un'epoca storica diversa da quella terribile della prima metà degli anni '40, ma gli errori giudiziari continuano ad esserci e purtroppo chi non ne è colpito non si rende conto quale devastazione umana possano provocare.

Adriano Romualdi nella parte introduttiva ricorda che quando il 19 gennaio 1945 Brasillach venne portato davanti ai suoi giudici, si difese "con dignità e coraggio", ma tutto fu inutile nonostante la difesa appassionata dell'avvocato Isorni. La decisione di condannare a morte  Brasillach venne presa prima del pronunciamento finale dei giudici, il processo fu una farsa come lo furono molti processi celebrati in quel periodo tragico. Giusto è ricordare che da ambo le parti vennero condannate persone che non avevano commesso alcun reato, è grave invece pensare che questo possa avvenire ancora oggi in un sistema democratico che dovrebbe salvaguardare la pluralità delle opinioni politiche.

Robert Brasillach si macchiò di qualche delitto? No, è storicamente accertato che l'unica colpa di Brasillach fu quella di aver scritto per un giornale collaborazionista. Insomma i suoi furono dei cosiddetti reati d'opinione che come si sa, sono considerati tali, sempre da chi la pensa diversamente; Il pubblico ministero durante il processo disse: "i suoi articoli hanno fatto più male alla Resistenza di un battaglione della Wermacht".

 

Ora che tutto è ormai così lontano, se ne potrebbe parlare con meno astio, ma dovrà passare ancora del tempo per leggere diversamente la tragica vicenda umana di Robert Brasillach.

 

IMGP6233-copia-2.JPG

Album di Caiomario

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Storia

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link