Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
25 luglio 2014 5 25 /07 /luglio /2014 15:44

La teoria dell'uomo viene esposta da Aristotele nel più vasto ambito della fisica che comprende tutta la realtà mobile e sensibile. La struttura dell'uomo rientra nella struttura delle cose della natura e in particolare degli esseri viventi che sono tutti dotati di anima che va intesa nella accezione di forma, tutti gli esseri viventi sono quindi provvisti di un corpo (materia) e da un principio vitale (anima) che è forma prima del corpo organico. Per Aristotele l'anima è la sostanza che forma il corpo ma a differenza di quanto sostiene Platone, non vi è alcuna preesistenza dell'anima ma unità inscindibile con il corpo. L'uomo come ogni altro essere vivente ha le seguneti funzioni vegetative:

  • nutrizione;
  • accrescimento;
  • riproduzione.

L'uomo -insegna Aristototele- è dotato di sensi esterni e sensi interni, i primi sono dotati di un organo esterno che permette di percepire la realtà corporea (vista, udito, gusto, odorato, tatto). I secondi consentono di percepire gli oggetti secondo il punto di vista della memoria, della fantasia e del senso comune che permette a sua volta di fare una sintesi delle percezioni. Inoltre l'uomo mediante la percezione estimativa è in grado di valutare ciò che è nocivo o utile.

Aristotele introduce poi una ulteriore distinzione per quanto riguarda gli oggetti sensibili che sono raggruppabili in due classi fondamentali: gli oggetti sensibili per se che sono percepibili per le loro caratteristiche e oggetti sensibili per accidens che sono connessi agli oggetti sensibili per se. Gli oggetti sensibili per se sono a loro volta di due specie: gli oggetti sensibili per un solo senso e quelli comuni a più sensi.

L'epistemologia aristotelica è strettamente connessa alla spiegazione che egli dà della struttura ilemorfica dell'uomo che conosce se stesso così come è (anima e corpo) e conosce la natura nel modo in cui è fatta (forma e materia). L'uomo conosce se stesso e le realtà sensibili impegnando anima e corpo pertanto il conoscere è nel contempo attività intellettiva e sensibile. L'essere umano essendo un essere intellettivo rappresenta universalmente le cose mediante le idee ma le idee o concetti non potrebbero esistere senza i sensi. La conoscenza è quindi legata al mondo sensibile e può attuarsi nell'ambito delle cose che lo costituiscono, l'uomo non conosce prima di esistere nel mondo sensibile come sosteneva Platone ma dipende dalle cose.

L'intelletto umano davanti alle cose è passivo ossia è intelletto in potenza, l'intelletto umano parte dal senso ed elabora i dati del senso, non esiste conoscenza intellegibile fuori dal sensibile. Tuttavia Aristotele fa entrare dalla finiestra quello che fa uscire dalla porta quando parla dell'intelletto agente che egli definisce immortale ed incorruttibile. Aristotele parlando di intelletto agente indipendente dalla sfera della realtà sensibile sembrerebbe ritornare sui suoi passi riprendendo la teoria dell'immortalità dell'anima sostenuta da Platone, tuttavia gli storici della filosofia non hanno potuto dare una interpretazione univoca sulla teoria dell'intelletto agente in quanto lo stesso Aristotele su questo punto fece un'esposizione incerta che ha finito per generare molti equivoci che lasciano la questione tutt'ora aperta.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Filosofi: Aristotele

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link