Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
15 novembre 2014 6 15 /11 /novembre /2014 18:29

RASSEGNAZIONE E PROPONIMENTO DI CAMBIAR VITA

 

1 Io non mi credo nato a buona luna;

   E se da questa dolorosa valle

   Sane a Gesù riporterò le spalle,

                     Oh che fortuna!

2 In quanto al resto poi non mi confondo:

   Faccia chi può con meco il prepotente ;

   Io me la rido, e sono indifferente,

                Rovini il mondo.

3 A quindici anni immaginava anch'io

   Che un uomo onesto, un povero minchione,

   Potesse qualche volta aver ragione ;

                      Furbo per Dio!

4 Non vidi allor che barattati i panni

       Si fossero la Frode e la Giustizia :

       Ah veramente manca la malizia

                      A quindici anni!

5 Ma quando, in riga di paterna cura,

      Un birro mi coprì di contumelia,

      Conobbi i polli, e, accorto della celia,

                         Cangiai natura.

6 Cangiai natura, e adesso le angherie

        Mi sembrano sorbetti e gramolate ;

        Credo il santo bargello, e ragazzate

                          Le prime ubbie.

7 Son morto al mondo ; e, se il padron lo vuole,

      Al messo, all'esattore, all'aguzzino

      Fo di berretta, e spargo sul cammino

                      Rose e viole.

8 Son morto al mondo ; e se novello insulto

   Mi viene da Commissari o colli torti,

   Dirò: Che serve incrudelir co' morti?

                    Parce sepulto!

9 Un diavol che mi porti o il lumen Christi

     Aspetto per uscir da questa bega:

     Una maschera compro alla bottega

                       De' Sanfedisti.

10 La vita abbuierò gioconda e lieta;

     Ma, combinando  il vizio e la decenza,

     Velato di devota incontinenza,

                    Dirò compieta.

11 Più non udrà l'allegra comitiva

     La novelletta mia, la mia canzone ;

     Gole di frati al nuovo Don Pirlone

                     Diranno evviva.

12 In un cantone rimarrà la belle

     Che agli scherzi co' cari occhi m'infiamma,

     E raglierò il sonetto e l'epigramma

                     A Pulcinella.

13 Rispetterò il Casino, e sarò schiavo

     Di pulpiti, di curie e ciarlatani ;

     Alle gabelle batterò le mani,

                      E dirò: Bravo!

14 Così sarò tranquillo, e lunga vita

     Vivrò, scema di affanni e di molestie ;

     Sarò de ' bacchettoni e delle bestie

                         La calamita.

15 Amica mi sarà la sagrestia,

     La toga, durlindana, e il Presidente :

     Sarò un eletto, e dignitosamente

                       Farò la spia.

16 Subito mi faranno cavaliere,

     Mi troverò lisciato e salutato,

     E si può dare ancor che sia creato

                     Gonfaloniere.

17 Allora, ventre mio, fatti capanna ;

     Manderò chi mi burla in gattabuia...

     Dunque s'intuoni agli asini alleluia,

                     Gloria ed osanna!

 

_______________________________________________

Giuseppe Giusti scrisse "Rassegnazione e proponimento di cambiar vita" nel 1833, la scelta metrica è quella delle strofe saffiche (tre endecasillabi e un quinario) secondo lo schema ABBa. Le scelte lessicali e stilistiche espirmono nel contempo ironia, rassegnazione nei confronti della realtà delle cose e un certo malcelato disprezzo verso l'ordine costituito. Giusti comprende che dinanzi al potere e ai suoi rappresentanti non serve opporsi apertamente ma, facendo di necessità virtù, si fa beffe degli imbecilli pronti sempre a reverire i potenti, esclamando nel finale  che "s'intuoni agli asini alleluia, gloria ed osanna".

1-5 io non credo di essere nato con i favori della fortuna. E se da questa valle di lacrime (questa dolorosa valle) me ne andrò senza avere dovuto affrontare grandi disgrazie, mi dovrò ritenere fortunato. Quanto al resto non mi scoraggio (In quanto al resto poi non mi confondo). Chi vuole faccia con me il prepotente, me la rido e rimango indifferente verso il mondo che va in rovina. All'età di quindici anni anch'io pensavo (ingenuamente) che un uomo onesto, un povero credulone, potesse qualche volta avere ragione, ma non mi accorsi che la frode e la giustizia si erano scambiate le parti (il poeta afferma che l'imbroglio spesso assume il volto della giustizia. A quindici anni manca la malizia. Ma quando sotto forma di cura paterna, uno sbirro mi coprì di ingiurie, mi resi conto con quali persone avevo a che fare (conobbi i polli) e della farsa che ognuno recitava, così decisi di cambiare vita.

6-10 Cambiai vita e adesso (imparata la lezione) le angherie mi sembrano sorbetti e granite (gramolate). Credo santo il capo degli sbirri e considero delle ragazzate i primi slanci ideali (il tono del poeta è ironico). Le cose che avvengono al mondo non mi riguardano (Son morto al mondo) e se il padrone lo vuole, mi tolgo il cappelli davanti al messo, all'esattore e all'aguzzino  e spargo al loro passaggio rose e viole (Giusti quando parla di padrone si riferisce al Granduca di Toscana e il messo, l'esattore e l'aguzzino erano i funzionari pubblici al servizio della burocrazia statale). Sono fuori dalle cose del mondo: e se un nuovo insulto mi viene dai commissari di polizia o dagli ipocriti (colli torti), dirò "Che serve mostrare crudeltà verso i morti? I morti vanno lasciati in pace (Parce sepulto). Attendo una fortuna improvvisa (Un diavol che mi porti) o mi atteggerò a devoto per uscire da questa situazione intricata (bega). Comprerò una maschera per trasvestirmi da Sanfedista. Lascerò da parte ogni atteggiamento giocoso e messo il nero velo dell'ipocrisia, vivrò mettendo insieme vizio e onestà, reciterò poi la compieta (la compieta nella litrugia delle ore veniva dopo i vespri e imponeva la recita di particolari preghiere).

11-15 L'allegra compagnia dei mie amici non sentirà le mie barzellette e i miei racconti. Sarò un nuovo Don Pirlone (il poeta si riferisce al personaggio di un'opera di Girolamo Gigli che scrisse una commedia ispirata al Tartufo di Molière) e i frati diranno "Evviva". In un cantuccio rimarrà l'innamorata (la bella) che mi infiamma coi suo occhi quando recito i miei componimenti scherzosi (nel senso di satirici). Declamerò ragliando come un asino i sonetti e l'epigramma a Pulcinella (chi sia il Pulcinella di cui parla il poeta si può solo ipotizzare, secondo il Fanfani Giusti allude al Granduca di Toscana). Rispettero  i nobili (Casino non indica il luogo in cui vi erano le prostitute ma un club in cui i nobili si riunivano per conversare) e sarò al servizio di curie e ciarlatani ( Giusti era fondamentalmente un anticlericale che non vedeva di buon occhio le palandrane nere sempre pronte a stare dalla parte dei potenti), quando saranno imposte delle gabelle applaudirò e dire "Bravo!". Ancora una volta Giusti parla delle tasse che all'epoca (come del resto oggi) strozzavano i sudditi. Facendo queste scelte sarò tranquillo e vivrò una lunga una vita senza affanni e molestie. Attirerò i bacchettoni e gli ignoranti. Sarò amico del clero (Amica mi sarà la sagrestia), dei magistrati (la toga), dei militari (durlindana) e del capo della polizia (il Presidente).

16-17 Subito sarò eletto cavaliere, sarò accarezzato e salutato dal Governo ed è possibile che sia eletto sindaco (Gonfaloniere). In questo caso mi preparerò ad arricchirmi senza limite ( Allora, ventre mio, fatti capanna, detto che indica l'ingordo che vuole mangiare per cento). Manderò in prigione chi mi prende in giro e dunque si applauda agli asini che ovunque trionfano.

 

Caiomario

 

 

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Letteratura - Giuseppe Giusti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link