Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 gennaio 2013 7 20 /01 /gennaio /2013 03:46

article marketing

 

 

 

 

 

7745518886_60f69b797d.jpg

Fonte immagine: http://www.flickr.com/photos/14116506@N00/7745518886 (album di woordenaar)

 

Gabriel Garcia Marquez, scrittore e giornalista è, senza dubbio, il maggior esponente della letteratura ispano-americana e uno dei più importanti romanzieri del Novecento.
Per quanto possa apparire politicizzato, avendo appoggiato la rivoluzione castrista, in realtà Garcia Marquez segue il destino di molti intellettuali sud americani che pur non essendo marxisti non hanno potuto fare a meno di schierarsi con la parte più sensibile ai problemi politici e sociali.

Nel 1982 ha ottenuto il premio Nobel per la letteratura e possiamo dire che la sua scrittura è stata la sua vita costituendo un tutt'uno inscindibile dove la finzione letteraria costituisce solo un mezzo, un appiglio per parlare della realtà che spesso è la realtà da lui vissuta in prima persona.

Molte delle informazioni su Garcia Marquez le troviamo nella sua autobiografia dove racconta che all'età di 23 anni decise di abbandonare la facoltà di giurisprudenza per dedicarsi all'attività di scrittore e in particolare alla letteratura e così ricorda questo momento cruciale quando ebbe l'approvazione indiretta della madre:

"Nè mia mamma nè io, avremmo potuto supporre che quella candida passeggiata di soli due giorni sarebbe stata così determinante per me....Adesso con più di settant'anni ben misurati, so che fu la decisione più importante che dovetti prendere in tutta la mia carriera di scrittore. E cioè, in tutta la mia vita."

Scrittore per vocazione quindi e romanziere di successo che inizia nel 1955 con il romanzo "Foglie morte" ma la consacrazione con il grande pubblico è avvenuta solo con il suo capolavoro letterario "Cent'anni di solitudine".

Per parlare del libro c'è una sezione a parte, quello che è importante rilevare in questo spazio è cio che riguarda lo stile narrativo di Garcia Marquez che ha una caratteristica sui generis, motivo forse del favore riscontrato da parte dei lettori, quella di unire al tono realistico quello fantastico-visionario.
Spesso nello stesso testo troviamo motivi di straordinario realismo descrittivo dove vengono narrate vicende drammatiche unite a racconti che hanno una dimensione fantastica e talvolta surreale.

Un'altra tecnica molto usata da Marquez è quella del ricorso alla metafora. i suoi romanzi sono ricchi di paragoni che spesso deformano i personaggi e la realtà, creando una sorta di commistione tra modo umano, animale e vegetale.

È molto importante, poi, la tecnica impiegata da Garcia Marquez per quanto concerne la narrazione dei fatti in ordine alla dimensione temporale.
Si parla a questo proposito del cosiddetto "tempo curvo" dove i fatti si snodano in maniera lineare e secondo una successione cronologica dove al prima si succede il dopo, ma a questo normale successione si intrecciano i continui riferimenti al prima e al dopo, riferimenti che proiettano il lettore in una dimensione temporale dove lo spostamento è continuo: il presente diventa passato quando lo si guarda dalla prospettiva del futuro; passato, presente e futuro, diventano quindi un unicum che danno al lettore la sensazione di trovarsi in un mondo a più dimensioni dove sogno e realtà si mischiano continuamente: l'effetto per chi legge dal punto di vista temporale è simile a quello che si prova guardando un film!

Senza dubbio Gabriel Garcia Marquez deve la sua fortuna letteraria a " Cent'anni di solitudine", ma anche i cosiddetti romanzi minori ( rispetto al suo capolavoro letterario) sono di grande spessore, in particolare segnalo "Cronaca di una morte annunciata" e "L'amore ai tempi del colera" che non solo hanno avuto un grande successo letterario, ma hanno anche avuto la loro trasposizione cinematografica che ha consentito al grande pubblico di conoscere un altro Garcia Marquez, altrettanto efficace e di straordinario impatto emotivo.

 


Un romanziere che sa fondere realismo e toni fantastici, mitici e talvolta grotteschi

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Ritratti

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link