Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
20 luglio 2012 5 20 /07 /luglio /2012 06:08

IL GIOCO NELLE VITE CONSUNTE DEI DISPERATI DELLA VITA 

Vi sono dei libri che raccontano storie datate nel tempo e prive di qualsiasi interesse, si tratta spesso di libri che costituiscono dei reperti archeologici che costituiscono motivo di interesse solo per gli storici della letteratura o per i cultori delle cose trapassate e vi sono poi libri talmente attuali che vanno al di là del periodo storico in cui sono stati scritti. 
Nel secondo gruppo vi rientra senz'altro "Il giocatore" di Fedor Dostoevskij, autore difficile ed impegnativo ma immenso, spesso tendenzioso e provocatore che si occupò in molte delle sue opere del male fino alla sua forma più estrema: il delitto. 
Ma il male si può manifestare anche sotto altre spoglie e il gioco è uno degli abiti del male, specie quando consuma le coscienze, rovina le vite, diventa l'unica e sola ragione di un'esistenza che "punta tutto ai dadi" nell'illusoria speranza di cambiare per sempre il proprio destino. 


IL LIBRO 

Il libro è stato pubblicato da numerose case editrici ed è facilmente reperibile in commercio sia online che in una libreria tradizionale (a richiesta). 
L'edizione pubblicata da Einaudi ha il pregio di avere una traduzione aderente al linguaggio moderno e una bella introduzione di Leone Ginzburg. 

Per maggior informazioni sul prezzo consiglio di vistare il sito della casa editrice al seguente indirizzo: 

www.einaudi.it 


L'ANGOLO PERSONALE 

Alexis Ivanovitch è il protagonista/comprimario del racconto, una contraddizione in termini perché in realtà il vero protagonista del romanzo è il gioco ed il gioco maledetto che conquista il giovane Alexis è una droga che non lo abbandona più dal momento in cui scopre l'appassionante sensazione che gli provoca e quando l'idea di guadagnare a tutti i costi una grande somma di denaro entra nella sua mente come un tarlo che tutto consuma. 
Il giocatore delineato dallo scrittore moscovita rappresenta il giocatore di tutti i tempi, il giocatore febbricitante che non sente mai la faticante attività della scommessa a tutti i costi, che si sottopone a continue ed estenuanti prove che richiedono un notevole sforzo mentale, pronto a rialzarsi raccogliendo le proprie miserie per puntare continuamente su un gioco che assomiglia al masso di Sisifo portato sulle spalle e che rotola giù dalla montagna delle illusioni..... per poi rincominciare esattamente come all'inzio. 
Non esiste per Alexis Ivanovitch un momento fausto, non c'è motivo di letizia nella sua azione di giocatore che lenisce la sua brama di invertire la rotta solo nel momento in cui si siede nel tavolo del casinò; la sua è una sorta di "morfininomania" del gioco, uno smodato bisogno della dose quotidiana della puntata. 
Alexis è intossicato pr l'uso prolungato di un gioco che non è più tale ma che è diventato un oppiaceo che gli provoca una grande forma di assuefazione ma che nello stesso tempo funge da "mordacchia" dell'anima e che gli impedisce di agire consapevolmente. 

Se il gioco per Alexis Ivanovitch è la fune che lo lega al vizio, è anche passione, ragione di vita, voglia di misurarsi con la fortuna e con le proprie capacità, tutto sommato il giocatore Alexis è un uomo vero che agisce senza troppe mediazioni. 

Suscitano invece un senso di riprovazione due personaggi come M.lle Blanche e De Grieux che sono la quintessenza del cinismo e dell'opportunismo, il contraltare in un certo senso dello stesso Alexis Ivanovitch, vizioso ma sincero ed autentico. 

Il racconto è ricco di personaggi dalla miltiforme personalità, comprimari che rappresentano tanti caratteri e tanti modi di porsi nei confronti della vita, in questo Dostoevskij dimostra una capacità unica di essere psicologo attento e descrittore finissimo. Nel romanzo poi emerge r il carattere cosmopolita della Russia zarista che a quanto pare era visitatissima da tutti coloro che appartenevano alla bella società dell'epoca. 
Fedor Dostoevskij dimostra una certa altezzosità nei confronti dei non russi; un francese diventa "il francesino", i polacchi sono "i polaccucci", i tedeschi sono solo dei commercianti pronti a fare affare con chiunque. 
Ma Dostoevskij non risparmia critiche al sistema, i giornalisti sono accusati, ad esempio, di servilismo perchè presentano una situazione falsa del gioco, descrivono la straordinaria magnificenza e il lusso della sale da gioco, raccontano dei "mucchi d'oro" che giacciono sui tavoli, sono insomma complici e alimentano la febbre del gioco contribuendo alla rovina delle persone che finiscono per cadere nel tranello della ricchezza facile. 



LO STATO BISCAZZIERE FA COMODO A TUTTI 

In Italia il gioco è monopolio di Stato, significa che a parte la briscola e il tresette, la tombola e altri giochi vari in cui non si puntano soldi, lo Stato ricava dal gioco i quattrini per finanziare la spesa pubblica. 
Assistiamo ad un moltiplicarsi di lotterie, di "gratta e vinci", di grattini e grattoni, di slot machine, di vincite istantanee che invogliano i più sprovveduti a giocare continuamente, tutti i giorni in una sorta di roulette maledetta che diventa un girone infernale. 
Ci sono delle persone anziane che prendono la pensione e nel giro di qualche giorno la consumano nel gioco, ci sono casalinghe che fanno la cresta sulla spesa e corrono in una ricevitoria a spendere i pochi spiccioli "risparmiati" tentando la fortuna, ci sono cassaintegrati che spendono quel poco che hanno nelle macchinette e....lo Stato non fa niente, anzi invoglia le persone al gioco. 

***Dalla benzina e dal gioco arrivano la maggior parte delle entrate dello Stato, è logico che nessuno ha l'interesse a contrastare un fenomeno come quello del gioco, anzi lo alimenta come i giornalisti descritti da Dostoevskij . Con le entrate derivanti dal gioco si pagano gli stipendi dei dipendenti pubblici, le pensioni, le prestazioni assistenziali, la sanità e...... i politici. 


NOTA FINALE SULL'AUTORE 

Fedor Dostoevskij era un giocatore incallito, si rifugiò nel gioco dopo aver scoperto che Polina la sua amante lo tradiva. Dopa aver vinto 5000 franchi intraprese un viaggio in Italia, ma il momento di serenità durò molto poco. Polina lo abbandonò e per sempre. 
Più tardi Dostoevskij si sposò con Anna Stitkina, una giovane che gli fungeva da segretaria e alla quale dettò "il giocatore", oberato dai debiti fu costretto a fuggire dalla Russia..........Il romanzo è chiaramente autobiografico ed è un grido di aiuto al mondo e un monito ai posteri che il grande scrittore russo lanciò per raccontare gli effetti nefandi del vizio del gioco. 

Libro consigliato a tutti coloro che amano la bella letteratura, ai giocatori incalliti che si stanno rovinando e a tutti coloro che, davanti a questo triste fenomeno, tacciono deliberatamente contribuendo a gettare nell'inferno migliaia di disperati della vita.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link