Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
26 gennaio 2013 6 26 /01 /gennaio /2013 20:17

contatore sito web

 

 

 

 

 

IL CAPITANO CONRAD, SCRISSE DI VIAGGI, OCEANI, NOSTROMI E AVVENTURE MARINE 


Saremmo poveri spiritualmente se non avessimo avuto degli straordinari narratori che hanno saputo scandagliare l'animo umano e ci hanno permesso di riflettere e di farci viaggiare con la mente; ho letto molto e spero di avere ancora del tempo per poter leggere dei romanzi, amo i romanzi falsi e veri, così come mi piacciono le operette maliziose e leggere, ma se devo restringere il campo tra gli scrittori viaggiatori sono due quelli che senza dubbio prediligo: Emilio Salgàri che non ha mai viaggiato ma aveva l'animo dell'esploratore e del viaggiatore e Joseph Conrad che viaggiatore lo fu davvero, dapprima in qualità di marinaio e poi come primo ufficiale di bordo. 
Il capitano Conrad era un uomo di mare che, oltre a scrivere i diari di bordo delle navi che comandava, sapeva scrivere straordinari racconti in cui ci ha parlato di viaggi, di località esotiche, di oceani, di nostromi e di avventure marine. Ma catalogare Conrad come uno scrittore di romanzi d'avventura sarebbe a mio parere riduttivo, Conrad è scrittore profondo e complesso che stimola il lettore a guardarsi dentro e a riflettere, i suoi romanzi sono intramontabili e hanno passato indenni le mode, ecco perché Joseph Conrad può essere annoverato tra i grandi della letteratura di ogni tempo. 




Quando accadde il tragico naufragio della Costa Concordia mi venne in mente un racconto intitolato "Lord Jim" scritto da Joseph Conrad, lo avevo letto intorno ai vent'anni e lo scrittore polacco mi piaceva moltissimo come mi piacevano altri autori di lingua inglese che raccontavano di viaggi e avventure; l'elenco non è molto lungo e oltre a Conrad, comprende Rudyard Kipling e Robert Louis Stevenson (famoso per "L'isola del tesoro" e "Lo strano caso del Dr. Jekyll e del signor Hyde"); tutti questi autori hanno rappresentato per me il naturale completamento di interessi che attingevano anche dalle letture dei fumetti della Bonelli e dai romanzi di Emilio Salgàri. 

"Lord Jim" è un romanzo in cui si ritrovano tutti i temi che contraddistinguono la narrativa di Conrad: l'avventura, l'eroe rifiutato, l'azione gloriosa, il tradimento, il riscatto, il destino implacabile; la narrativa di Conrad è scevra da qualsiasi dualismo tra reale e ideale, la vita reale è quella che è e ogni essere umano deve fare i conti con un'esistenza che non lascia scampo perché l'esito finale è per tutti eguale. 
Per me un racconto può essere scritto in due modi: insistendo sulla descrizione senza dare la parola ai protagonisti e oppure dando loro la parola; Conrad riesce a fondere entrambe prospettive ecco perché "Lord Jim" può essere diviso in due parti: nella prima il narratore esterna quasi in modo naturalistico ciò che accade, nella seconda parte invece il narratore è Marlow che interpreta i fatti secondo il suo punto di vista. Grazie a questa tecnica narrativa adottata da Conrad il lettore, man mano che scorrono le pagine, si sente coinvolto e finisce per "fraternizzare" con il punto di vista del protagonista. Conrad è il maestro di questa tecnica narrativa, tecnica che contribuisce tuttavia a rendere il romanzo a tratti difficoltoso come può essere la comprensione di una mente complessa che rivela agli altri il proprio pensiero. 

La storia è affascinante: il capitano Marlow comanda la nave Patna a bordo della quale vi sono ottocento pellegrini di fede musulmana, ad un certo punto in seguito ad una collisione, il capitano e i suoi ufficiali tra cui anche Jim decidono di abbandonare la nave. Analogie con il presente? Tante ma udite, udite...Jim viene processato, perde la sua patente di navigazione ma perde la cosa più importante per un marinaio : l'onore. 
Ecco la regola scritta che vale sempre nella marineria di ogni luogo: Jim perde l'onore non quando viene celebrato il processo ma quando decide di saltare in acqua ed è proprio quel gesto che lo renderà un reietto e un vigliacco agli occhi di tutti. Da qui la voglia di riscattarsi. 

MON CAPITAIN DIVENTA TRAFFICANTE INSIEME A LORD JIM 

E bisogna pur vivere mio capitano!!! Marlow segue Jim che diventa trafficante nell'isola malese di Putasan dove sposerà la causa degli indigeni difendendoli dai predoni arabi e dove avrà un'intensa storia d'amore con Jewel, una ragazza indigena che perderà la vita in modo tragico; il vero protagonista del racconto a questo punto diventa proprio Jim ma è Marlow che racconta la storia esprimendo il suo punto di vista. La narrazione diventa imprevedibile e affascinante e per il lettore è un momento di verità e di riflessione. 

IL MESSAGGIO DI LORD JI

Non c'è nessuna sintesi che possa rendere appieno l'idea del romanzo, Conrad è un autore che rappresenta in pieno l'epoca dell'Inghilterra vittoriana ma non cade mai nel moralismo di facciata che invece era una caratteristica di quella società; quel che più ho apprezzato di Lord Jim è il fatto che Conrad va oltre il "tempo della storia", diventando uno stimolo critico per tutti coloro che pensano alla resa e non riescono a fare i conti con il proprio passato. Ma del resto che altro avrebbe potuto fare Lord Jim nel momento in cui aveva perso l'onore? Un reietto che si deve riscattare deve andare oltre il proprio dolore anche se non può andare contro il proprio destino. 
Conrad affronta temi che da sempre fanno parte della letteratura: quelli della colpa e del riscatto, in questo senso può essere annoverato tra gli scrittori "epici"; il suo Lord Jim si conclude con un finale tragico: il riscatto avviene agli occhi del lettore, è postumo; la morte diventa l'unica espiazione possibile, un'espiazione che diventa resa senza ritorno. 


La lettura del libro è vivamente consigliata! 




PILLOLA DI VELENO: Davanti al capitano Conrad faccio io l'inchino e rimango ammirato....invece qualche altro capitano dopo l'inchino, è naufragato!!****

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link