Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
13 agosto 2012 1 13 /08 /agosto /2012 07:20

contatore gratuito

"Nuovi racconti romani" è stato edito dopo che i testi furono pubblicati nella terza pagina de "Il Corriere della Sera", si tratta quindi di testi nati con una compiutezza dovuta principalmente allo scopo per cui erano stati concepiti: quello di uno spazio giornalistico che necessita, per ragioni editoriali, di uno scritto uniforme e breve, elementi questi che richiedono una grande abilità da parte dell'autore.
Mentre infatti nel libro, lo spazio è deciso dal'autore, nel testo destinato al giornale il vincolo dovuto allo spazio può rsultare penalizzante, specialmente per scrittori prolissi che tendono a dilatare la parte descrittiva. Moravia non rientra tra gli scrittori che amano i testi lunghi e sovrabbondanti , anzi la sua capacità di sintesi sembra aver agevolato quello che era un'esigenza giornalisticache ha contribuito ad esaltare le sue doti di narratore breve. 

 

LA ROMA DEL DOPOGUERRA

I racconti sono ambientati nella Roma del dopoguerra, negli anni che vanno dal 1945 al 1950, anni in cui la ricostruzione incominciava a cambiare la fisionomia della città con la nascita di nuovi quartieri e l'affermarsi di nuovi ceti sociali primi fra tutti quelli legati al mondo dell'edilizia. 
Ma questi erano più che mai gli anni in cui la gente cercava di arrangiarsi dedicandosi ad attività illegali di piccolo cabotaggio come, ad esempio, lo spaccio di sigarette di contrabbando. 
La Roma descritta da Moravia vive in questo clima popolato da personaggi che vivono nella miseria spesso bulli, aggressivi, maneschi, come, ad esempio, Rosario  detto il "romanuccio" che canta nelle trattorie di Trastevere e che fa parte di quel sottoproletariato precario, senza arte nè parte che vive di espedienti e di vagabondaggi notturni. 

Ma c'è anche un'altra Roma descritta da Moravia: è la Roma dei locali notturni e di Via Veneto che in quegli anni va prendendo rinomanza internazionale e che avrà la sua consacrazione definitiva nel film di Federico Fellini "La dolce vita". 

Per i lettori romani è un ritrovare i luoghi di sempre: Largo di Torre Argentina, piazza Venezia, il Corso, la Galleria, ponte Milvio, piazza del Popolo..strade note all'epoca percorse a piedi o con mezzi di fortuna tra un bar ed un altro che era il luogo preferito da "guitti di varietà e avanspettacolo", protagonisti di quello che allora era il genere di spettacolo preferito: la rivista. 
L'avanspettacolo consisteva in una serie di battute piò o meno satiriche, con la narrazione di qualche barzelletta a cui seguivano dei numeri di danza piò o meno sguaiati, spesso oltrechè nei bar questi spettacoli precedevano la visione di un film ed erano il momento più atteso dal pubblico spesso costituto da uomini con tutto il contorno che ne seguiva: dalle donnine di marciapiede ai vetturini e agli autisti. 

In questi "Nuovi racconti romani" troviamo questo mondo, ben descritto con la sapienza letteraria tipica di Moravia che qui appare poco problematico rispetto ad altre opere come ad esempio "Gli indifferenti" e nello stesso tempo molto abile nel descrivere una Roma che oggi non esiste più e di cui pochi si ricordano. 

 

 

SCHEDA DEL LIBRO

 

  • Autore: Alberto Moravia
  • Titolo: Nuovi racconti romani
  • Editore: Bompiani
  • Collana: Tascabili narrativa
  • Anno di pubblicazione: 2003
  • Pagine: 560
  • Codice Ean: 9788845253867

 

 

 

 

 Roma notturna con i suoi personaggi equivoci spesso bulli e aggressivi.

 

 

Nuovi racconti romani

 

 

 

Per altri libri scritti da Alberto Moravia si rimanda a: 

 

  • http://www.condividendoidee.it/article-agostino-alberto-moravia-108297158.html
  • http://www.condividendoidee.it/article-l-uomo-come-fine-alberto-moravia-107841219.html

 

 

Articolo di proprietà dell'autore adattata per questo spazio.

Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link