Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
30 marzo 2012 5 30 /03 /marzo /2012 09:14

 

660978

 

UN LIBRO POSTUMO 

Dopo la morte di Italo Calvino avvenuta nel 1986 sono stati pubblicati numerosi libri postumi, a quanto pare Calvino è un autore evergreen soprattutto per quanto concerne i diritti di autore,  le sue opere sono come il pozzo di San Patrizio, continuano a dare una rendita permenanente che sembra non avere mai fine; sorge  quindi spontanea la domanda se gli inediti sono tali perchè l'autore non ha fatto in tempo a pubblicarli o perchè non ha voluto darli alle stampe. Si tratta quindi di distinguere il valore letterario delle singole opere e dei criteri che hanno indotto Calvino ad accantonarli in un cassetto, una questione non da poco anche sul piano filologico che non è stata ancora affrontata e che difficilmente sarà approfondita fino a quando le sue opere saranno una fonte di guadagno "sicura" per gli editori. 

"Prima che tu dica "Pronto" è una raccolta di scritti che copre un arco di tempo di circa unquarantennio, in realtà è difficile sapere quale criterio sia stato seguito in questa raccolta nè viene spiegato, crediamo infatti che questa sia una grave lacuna dal punto di vista della storia del testo, una parte mancante a cui probabilmente i curatori avrebbero dovuto pensare, infatti a differenza di un romanzo o di un saggio che comunque hanno di per sè una loro forma già compiuta, nel caso di scritti spesso estemporanei raccolti quà e là in giornali e riviste, sarebbe stato doveroso indicare le ragioni di questa scelta che avrebbe anche permesso di capire quali sono state le fonti della straordinaria vena creativa di Italo Calvino che ha spaziato in più campi passando dal surrealismo al racconto fantastico passando addirittura alla speculazione di tipo scientifico. 


Senza dubbio la raccolta è interessante perchè si trovano degli inediti di un Calvino giovanissimo che esprime il suo disagio nei confronti del clima che si viveva nell'Italia fascista, così come sono interessanti ( ma non di grande valore letterario) alcuni scritti resistenziali composti nel primo dopoguerra, curiosi sono poi gli articoli scritti da Calvino per l'Unità,  si tratta di scritti di chiara impronta ideologica in cui viene condannata la politica nazionalista della Germania conseguente alla sconfitta militare e il militarismo, una condanna che però non comprende tutto il militarismo se si considera il fatto che l'Unione Sovietica, proprio nel dopoguerra intraprese una corsa agli armamenti senza precedenti in competizione con gli Stati Uniti d'America. 
Sicuramente in questa raccolta c'è molto Calvino ma siamo lontani da un capolavoro di opere come "Le città invisibili" o come "Il castello dei destini incrociati". 
La divisione tra i due periodi della produzione letteraria di Calvino quello che va dal 1943 al 1958 e quello che va dal 1968 al 1984 sembra un pò arbitraria anche perchè manca un decennio in cui Calvino fu molto attivo dal punto di vista letterario scrivendo opere come "Marcovaldo ovvero le stagioni in città", "La giornata di uno scrutatore", "La speculazione edilizia" etc.. (solo per citarne alcune). 

Seppur artificiosa questa divisione tra i due periodi, la prendiamo per buona, scegliendo comunque gli scritti della seconda parte dove al centro dei racconti troviamo tutto quel mondo dell'immaginario che caraterizza la produzione delle opere maggiori di Calvino, alcune tematiche sono poi sempre valide come quelle del rapporto individuale/generale o le riflessioni sul mondo dei primi computer, pregevoli gli scritti quali "La glaciazione", "Il richiamo dell'acqua" e Prima che tu dica "Pronto". 

Calvino dimostra ancora una volta una staordinaria abilità nel comporre negli scritti brevi e una singolare invnetiva, in questo è stato il migliore;  tra tutti i racconti ne spicca uno intitolato intitolato "La pecora nera" di cui si consiglia la lettura integrale. 
........il libro di oltre trecento pagine si legge tutto d'un fiato, merita........

 


Condividi post

Repost0
Published by Caiomario - in Libri

Presentazione

  • : Condividendoidee (Filosofia e Società)
  • : Storia della filosofia, letteratura e recensioni librarie
  • Contatti

Cerca

Archivi

Articoli Recenti

  • Malombra - Antonio Fogazzaro
    FOGAZZARO TRA SCAPIGLIATURA E NARRATIVA DECADENTE Per chi ama la letteratura decadente "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio rappresenta l'inizio non solo di un genere, ma anche il metro di misura di un modus vivendi che nel tardo Ottocento era molto diffuso...
  • Epistula secunda ad Lucilium - Seneca
    SENECA LUCILIO SUO SALUTEM 1. Ex iis quae mihi scribis et ex iis quae audio, bonam spem de te concipio: non discurris nec locorum mutationibus inquietaris. Aegri animi ista iactatio: est primum argumentum compositae mentis existimo posse consistere et...
  • Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico - Tinto Brass
    46 PAGINE DI APPASSIONATO TRIBUTO AD UNA DONNA EROTICA: NINFA Non vi è traccia nella letteratura di opere esplicative in cui un regista spiega le sue scelte filmiche, per questo motivo "Elogio Della Donna Erotica. Racconto Pornografico" scritto da Tinto...
  • Favole - Jean de La Fontaine
    Come leggere le favole di La Fontaine Tra le note presenti in molte edizioni de "Le Favole" di La Fontaine, troviamo due raccomandazioni che dovrebbero indicare la tipologia di lettori: la prima consiglia la narrazione del libro ai bambini di quattro...
  • La scoperta dell'alfabeto - Luigi Malerba
    TRA LIEVE IRONIA E IMPEGNO MORALE Luigi Malerba nato a Berceto ( Parma ) nel 1927 , sceneggiatore, giornalista ha partecipato al Gruppo 63 e fa parte di quel movimento intellettuale che è stato definito della Neoavanguardia, partito da posizioni sperimentaliste...
  • La Certosa di Parma - Stendhal
    Ambientato in un Italia ottocentesca in parte fantastica, in parte reale, le avventure di Fabrizio del Dongo si snodano in una serie di incontri e peripezie al termine dei quali si trova il luogo ... ECCO L'ITALIA CHE TROVÒ MARIE-HENRY STENDHAL QUANDO...
  • Il nuovo etnocentrismo in nome della lotta al razzismo
    Sino al 1492 esistevano in America delle genti chiamate genericamente Amerindie (aztechi, maya, toltechi etc.) che costituivano il patrimonio umano e culturale di quelle terre. Sappiamo come le cose sono andate dopo quella data, da quel momento è iniziato...
  • Il ritratto di Dorian Gray - Oscar Wilde
    Letteratura, cinema e teatro, un ritratto che non invecchia. Il ritratto di Dorian Gray è un classico della letteratura, almeno così viene definito e ogni volta che si deve usare questa espressione bisognerebbe farlo con una certa riluttanza perché c'è...
  • Filosofi: Bruno Giordano
    VITA, OPERE Giordano Bruno (Nola, 1548-1600), entrò a diciotto anni a far parte dell'Ordine dei Domenicani nei confronti del quale mostrò insofferenza per la disciplina e per l'indirizzo culturale. Nel 1576 abbandonò l'Ordine perché sospettato di posizioni...
  • Poco o niente. Eravamo poveri. Torneremo poveri - Giampaolo Pansa
    Pansa ha la capacità di saper leggere la realtà e non semplicemente di interpretarla, la sua "narrazione" suscita stupore ed è sempre spiazzante e al di là del fatto che i suoi libri riescano a raggiungere i primi posti delle classifiche dei libri più...

Link